My Blog

Wait… Please stay…

Pensieri Nessun commento »

Stavolta anzichè un pezzo riporto tutta la canzone, è davvero troppo bella… ;)

You did not dare say a single word
I did not dare ask for something more
I’ve kept my questions secret deep inside
But I wish I could have let you know about
A time when I would have said

Wait, and please stay
Did you mean to push me away?
Please wait and just stay
Did you want it to be this way?

Would you want to know what I’ve been through?
(Through all this time… all this time)
Would you want to know I have missed you too
(And I have you on my mind)
And you’ve been and you will be a part of me
(That I can’t find)
And you’ve been forgiven for your silence
All this time when I would have said

Wait, and please stay
Did you mean to push me away?
Please wait and just say
Is there a way that could replace
The times you never said
How’ve you been?
Do you need anything?
Want you to know I’m here?
Want you to feel me near?

Yeah…and I hope
I hope that you will find your way
Yeah…and I hope
I hope there will be better days

Please wait, and just stay
(Please stay)
Did you mean to push me away?
Please wait, and just stay
(Wait, just stay)
Did you want it to be this way?
Wait, please say
(Yeah, and I hope)
I hope that you will find your way
Please wait, and just stay
(Wait, and I hope)
I hope there will be better days

Hey hey…

Wait
Please stay
Just stay
Please wait



Lavori in corso

Lavori Nessun commento »

Qualche aggiornamento sui lavori di cui mi sto occupando: a breve sarà online il sito del pittore Alessandro Sansoni, e prossimamente mi occuperò del restyling del sito della Mediaservice.

Il sito sarà realizzato in PHP + MYSQL per quanto riguarda la parte di gestione dei contenuti, in XHTML + CSS per quanto riguarda l’impaginazione.

Intanto ecco un’anteprima di come dovrà essere il sito:

Screen Alessandrosansoni.com



Canzone del giorno…

Pensieri 1 Commento »

Volevo scrivere qualche post un po’ serio… ma dopo l’abbuffata in fraschetta di ieri sera direi che è meglio rimandare la cosa :D

Lascio solo un pezzo di una canzone dei Sottotono (“Mai più”):

…a che cosa mi aggrappo
diventerò matto ora che non ti ho, yoh
ora che ho perso il contatto
mi chiedo perchè scappo
da quello che ho



American Psycho

Libri Nessun commento »

Per l’ultimo esame ho dovuto leggere American Psycho, famoso romanzo di Bret Easton Ellis.

Il protagonista, un certo Patrick Bateman, è un ricco 26enne che lavora a Wall Street; dalla personalità molto particolare, ha un’attenzione quasi maniacale per la cura del corpo, così come per la scelta di vestiti (ogni sua giornata e ogni suo incontro con altre persone passa attraverso la minuziosa descrizione dei capi d’abbigliamento indossati) o dei gadget tecnologici che riempiono il suo favoloso loft situato in pieno centro di New York.
Dopo esercizi in palestra, impegni di lavoro, sedute dalla visagista, le sue giornate si concludono in una corsa sfrenata alla ricerca dei locali più esclusivi della città dove incontrare gli amici, la sua bella e ricca fidanzata Evelyn, o la ragazza di turno da rimorchiare; nei ritagli di tempo passa in tintoria a ritirare le sue pregiate camicie e giacche, al videonoleggio per restituire “Omicidio a luci rosse”, noleggiato oltre 35 volte, o guarda le registrazioni del Patty Winters Show, suo programma preferito.
Tra una riga di coca e un J&B On the Rocks con ghiaccio, le serate con gli amici trascorrono in oziose conversazioni sull’eleganza maschile, sulle ragazze, sulla cucina dei vari ristoranti, sui successi professionali dei colleghi.
Ma Patrick non è in realtà la persona per bene che cerca di sembrare, il “ragazzo della porta accanto”, come lo definisce la sua fidanzata. Dietro la sua apparente normalità si cela un folle omicida che non esita ad uccidere, torturare e fare a pezzi uomini, ragazze, bambini, barboni, cani, e chiunque altro abbia la sfortuna di causare un’esplosione della sua ira; una persona quasi incapace di provare qualunque sentimento, insoddisfatta della sua vita e della sua malvagità al tempo stesso.

E’ un libro interessante, fa un ritratto molto fedele di un mondo dove il denaro e l’apparire sono gli unici valori rimasti; troppo cruente, secondo me, le descrizioni delle folli imprese del protagonista: omicidi e torture sono descritti in maniera anche troppo dettagliata. Se non siete particolarmente impressionabili, ne consiglio comunque la lettura :)

Notte prima dell’esame

Pensieri 2 Commenti »

Mi sono deciso ad aggiornare più di frequente questo blog (anche se non lo legge quasi nessuno :p), così da non fare la parte di quello che apre il blog perché “si usa” e poi non ci scrive nulla :)

Domani ho l’ultimo esame, o quantomeno l’ultimo della laurea triennale.
Sono parecchio nervoso, ma non è tanto per l’esame in se… quanto per  il fatto che  la laurea si avvicina e non ho la più pallida idea di cosa fare dopo…

continuare? (ma la voglia è poca e la specialistica non mi piace)
fermarmi? e quindi? fare qualche corso di informatica e cercare un lavoro?
cercare un lavoro e basta?
boh…

Quanto al resto… beh le parole che cercavo nel post precedente non le ho ancora trovate… è il risultato è che il mio fido neurone è impegnato in tutt’altri pensieri…

Su consiglio di un’amica, chiuderò tutti i post della categoria “Pensieri” con un pezzo di canzone… che avrà a che fare col mio stato d’animo o con gli avvenimenti di questo periodo ;)

Cerco su ogni volto un ricordo
e sembra che il tempo non sia mai trascorso
e un brivido chiude lo stomaco
rimango incredulo e so
che le emozioni non muoiono mai…

Se io avessi le parole…

Pensieri Nessun commento »

Stamattina frugando tra gli mp3 ho trovato la cartella degli 883…

Oltre alle classiche “Sei un mito” e “Gli anni” (tra le mie preferite), ho trovato “Una canzone d’amore”.

Era una canzone che avevo quasi dimenticato, ma mi ha colpito perchè le parole descrivono esattamente la situazione in cui mi trovo in questo periodo… ma perchè è così difficile far capire a una persona che sei interessato a lei? :(

Sarò io che sono cretino oppure (tanto per rimanere con gli 883) è sempre tutta colpa del famoso “Fattore S”? :D

…se io avessi le parole
le potessi immaginare
fosse facile spiegare
si riuscissero a suonare
se potessi raccontare
se sapessi come fare
se sapessi cosa dire allora ti scriverei…

Una canzone d’amore
per farmi ricordare
una canzone d’amore
per farti addormentare
che faccia uscire calore
che non ti so spiegare
una canzone d’amore
solo per te…

 WP Theme & Icons by N.Design Studio

RSS Post RSS Commenti Accedi